NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

his site uses cookies. If you continue browsing, you accept our cookies policy
Cookies policy website www.bottegavini.it
What are cookies?

Cookies are small pieces of data sent from a website and stored in a user's web browser while the user is browsing that website. Every time the user loads the website, the browser sends the cookie back to the server to notify the website of the user's previous activity. While surfing the net, the user may receive on his computer also cookies coming from other websites or other Web servers (third parties) containing elements (i.e. images, maps, sounds, specific links to other pages domain) present in the website that he is visiting. Cookies that are usually present on users' browers in a great number and sometimes also with persistence in time, they are used for different aims: execution of informatic autentications, sessions monitoring, memorization of information regarding specific configurations about users that access the server , etc. Cookies don't record neither user's personal data nor data possibly identifiable.
If the user wishes to deactivate the use of cookies it is necessary to modify settings on his computer, setting up the cancellation of all cookies or activating an alert message when cookies are to be memorized. To proceed without modifying the application of cookies it's sufficient to continue Web surfing.
Visit AboutCookies.org for further information about cookies and the way they influence your Web surfing experience.
What are the main varieties of cookies?

In connection, and according to the purposes of the present provision, it's possible to identify different varieties of cookies:
1. Necessary cookies
These cookies are essential for letting the user navigate the whole website and fully exploit its characteristics.
Using the website www.bottegavini.it the user accepts that these cookies are installed on his/her device.
2. Performance cookies
These cookies collect information about how users utilize a Website, for example, which are the most visited Web pages and if error messages are received from Web pages. These cookies don't track information that may identify a visitor. All information recorded by cookies are aggregate and thus anonymous. They are just used to improved the functioning of a Web site.
Using the website www.bottegavini.it the user accepts that these cookies are installed on his/her device.
3. Functionality cookies
These cookies allow the Website to track the choices done by the user (like the name, or the home town) and procure advanced customized functionalities. These cookies can be used even to memorize the modifications applied to text dimension, font and other user-adjustable parts of Web pages. They may even be used to give services required by the user like watching videos or comments typed in a blog. Information collected by these kind of cookies may be anonymised and made not able to monitor user's Web surfing activity on other Websites.
Using the website www.bottegavini.it the user accepts that these cookies are installed on his/her device.
How to manage with cookies on your PC

There are different ways to manage with cookies and other traceability technologies. Modifying browser settings it's possible to accept or refuse cookies and decide to receive an alert message before accepting a cookie from visited Websites.
We highlight the fact that disabling completely the use of cookies you may not be able to utilize all our interactive functionalities. If you use more than one computer in different places, be sure that every browser is set in the way that most suits your preferences.
You can eliminate all installed cookies in the cookies folder of your browser. Every browser presents different procedures for managing settings. Click on one of the following links to obtain specific instructions:
- Microsoft Windows Explorer
- Google Chrome
- Mozilla Firefox
- Apple Safari
If you don't use any of the aforementioned browsers, select “cookie” in the relative section of the guide to discover where you can find your cookie folder.
Google Analytics

The website www.bottegavini.it  uses Google Analytics, a Web analysis service by Google, Inc. Google Analytics uses cookies, that are text files deposited on your computer to let the website analyze how users utilize the website. Information generated by cookies about the use of the website are transmitted and deposited to Google servers in the USA. Google will use these information to examine your use of the website, filling in reports about website activities addressed to workers of the website and to the supply of other services inherent to the activity of the website and the use of the net. Google may also transfer these information to third parties whenever it's imposed by law or whenever the third parties process the aforementioned information on behalf of Google. Google won't associate your IP address to any other data owned by Google. You can refuse the use of cookie selecting the right setting on your browser, but please note that in doing so you will not be able to use all the functionalities of this Website. Using this Website you consent to the processing of your personal data by Google with the aforementioned modalities and for the aforementioned purposes.

 

L’Associazione Locali Storici alla Bottega Vini

Verona 7 maggio 2017 –  Tra gli appuntamenti dell’Associazione Locali Storici in visita a Verona non poteva mancare una  visita alla Bottega del Vino, con una gioiosa riunione conviviale alla presenza della Presidente della Bottega Maddalena Pasqua di Bisceglie e Sabrina Tedeschi, Presidente delle Famiglie dell’Amarone d’Arte.

Particolarmente suggestiva la piccola rievocazione dedicata a Berto Barbarani con un pezzo letto da Solimano Pontarolli,  che ha aperto questa riunione tra proprietari dei più suggestivi e storici locali italiani.

Nell’occasione l’Associazione ha consegnato alle Famiglie dell’Amarone il “premio Chessa” un riconoscimento nato in seno all’Associazione dei Locali Storici d’Italia in memoria del consigliere Antonio Chessa, originario di Torino e vera e propria anima del celebre Caffè Mulassano di piazza Castello, per decenni artefice di rigore storico e culturale dei più antichi pubblici esercizi italiani.

Il riconoscimento “per le iniziative culturali promosse da un locale storico”,  giunge a poca distanza da un altro premio  internazionale  - il  “Wine Awards for Friends”- consegnato dall’autorevole  rivista tedesca di enogastronomia “ Der Feinshmecker”. 

 

 

BIANCHI

Soave Classico “La Rocca” 2015 -  Pieropan  € 8

Friulano “Galea” 2014 -  I Clivi  € 7

Gewurtztraminer “Lunare” 2015 - Terlano € 9

Gaja e Rey 2014 -  Gaja € 35

Verdicchio dei Castelli di Jesi Riserva 2013 - Villa Bucci € 9

Ornellaia Bianco 2014 – Tenuta dell’Ornellaia € 35

Falanghina “Via del Campo” 2015 – Quintodecimo € 8

Etna Bianco “Pietramarina” 2013 – Benanti € 12

Weiss N. 7 2014/15 – Strohmeier € 10

Riesling Vulkangestein 2015 – Schäfer-Frölich € 12

Chablis Grand Cru “Bougros” – Patrick Piuze 2015 € 18

Meursault 2014 – Philippe Pacalet € 20

Pouilly-Fumé Silex 2014 – Domaine Dagueneau  € 35

M de Minuty Rosè 2015 – Chateau Minuty € 8

Chardonnay Contea di Sclafani 2013 – Tasca d’Almerita € 12

 

BOLLE

Franciacorta Brut-  Facchetti  € 10

Franciacorta Blanc de Noirs 2006 - Cà del Bosco € 14

Trento Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2005 – Ferrari € 18

Crémant de Bourgogne Brut – Chevrot  € 10

Champagne Blanc de Blancs Brut – Robert Moncuit  € 15

Champagne Brut -  Cuperly  € 12

Champagne Brut Initial Blanc de Blancs – Jacques Selosse € 28

Champagne Brut L’Ouverture – Savart  € 12

Champagne Clos des Goisses 2007 – Philipponnat € 32

Champagne Brut Winston Churchill – Pol Roger € 40

Dom Perignon Brut 2006 –  € 30

Krug 2002 - € 60

Champagne Nature Violaine – Benoit Lahaye  € 22

Giacosa Rosè Extra Brut – Bruno Giacosa € 9

Champagne Rosè Brut – Henriot  € 12

 

ROSSI

Cabernet Cor Römigberg 2011 – Lageder  € 15

Rosso Breg 2004 – Gravner  € 20

Barbaresco “Bernardot” 2010 – Ceretto € 14

Barolo “Monprivato” 2012  - G. Mascarello € 25

Le Trame 2013 – Podere Le Boncie € 10 /Primapietra 2012 – Castiglion del Bosco € 15

Brunello di Montalcino 2009 – Le Ragnaie € 15

Apparita Merlot 2009 - Castello di Ama € 38

Ornellaia 2014 € 35 / Luce 2014 - Frescobaldi € 25

Terra di Lavoro 2010 – Galardi  € 12

Barrua 2012 – Agripunica € 10

Haut Medoc 2000 - Chậteau Belgrave € 15

Volnay 1er Cru “Les Brouillards” 2013 – Régis Rossignol € 15

Grands-Echezeaux Grand Cru  2014 – Georges Noellat € 50

 

FAMIGLIE DELL'AMARONE D'ARTE

Amarone - Allegrini € 14
Amarone Cà bianca - Begali € 12
Amarone Case Vecie - Brigaldara € 14
Amarone Calcarole - Guerrieri-Rizzardi € 15
Amarone Costasera -  Masi € 15
Amarone Riserva - Musella € 12
Amarone Torre d'Orti -  Piona  € 12
Amarone Monte Sant'Urbano -  Speri € 14
Amarone Monte Olmi - Tedeschi € 14
Amarone Campo dei Gigli - Tenuta Sant'Antonio € 14
Amarone Cà Florian - Tommasi € 15
Amarone Campo Masua - Venturini € 14
Amarone Riserva Sergio Zenato - Zenato€ 18

 

 


 

 

Le Famiglie dell’Amarone d’Arte e l'Accademia del Barolo

Un incontro di sinergia e amicizia

 

Amarone e Barolo insieme: 2 vini, 2 territori, 23 produttori

 

Martedì 7 febbraio, all'Antica Bottega del Vino di Verona, le 13 Famiglie dell'Amarone d'Arte e  le 10 dell'Accademia del Barolo hanno confermato la volontà di lavorare insieme per divulgare la cultura del grande vino italiano.

Le Famiglie dell'Amarone hanno accolto i produttori di Barolo e un centinaio di wine lovers in una serata che ha avuto come protagonisti due vini profondamente identitari e simboli del made in Italy nel mondo: l'Amarone e il Barolo. Durante la cena sono state degustate 23 etichette dell'annata 2011, dei due vini icone del territorio della Valpolicella e delle Langhe.

Con questo evento le Famiglie dell'Amarone d'Arte e l'Accademia del Barolo hanno voluto lanciare un messaggio importante: è possibile fare rete e sistema, come ha sottolineato Maria Sabrina Tedeschi, presidente delle Famiglie dell'Amarone d'Arte: «Insieme si è più forti ed è importante creare sinergie anche al di fuori del nostro territorio. Noi e l'Accademia del Barolo siamo due associazioni simili che lavorano in gruppo per esaltare i rispettivi territori promuovendo la ricerca  all'interno delle nostre tradizioni e la cultura. Questa serata rappresenta non un confronto, ma un incontro fra due zone d'eccellenza». Anche Gianni Gagliardo, presidente dell'Accademia del Barolo ha messo in luce l'obiettivo dell'Associazione nata cinque anni fa: «La nostra mission è divulgare la cultura del Barolo, un territorio che ci ha sempre regalato moltissimo. Per questo abbiamo portato in dono alle Famiglie dell'Amarone una barbatella di Nebbiolo, in segno di un'amicizia che speriamo si consolidi in iniziative volte a far conoscere la forza del sistema vitivinicolo italiano».

La serata è stata introdotta dai giornalisti Gianni Fabrizio e Nicola Frasson. «Amarone e Barolo sono due Docg che godono di un grande successo commerciale all'estero», ha commentato Frasson. «Questi due territori hanno molto in comune: non sono particolarmente grandi, sono intensamente vitati ed entrambe queste colline, un tempo, regalavano anche altri tipi di coltivazioni come le nocciole in Langa e le ciliegie in Valpolicella». «Ma se nelle Langhe trionfa il monovitigno, il Nebbiolo, in Valpolicella siamo nella patria della varietà ampelografica», ha detto Gianni Fabrizio. «Anche la gradazione alcolica di questi vini è sostenuta da un processo diverso: nel caso del Nebbiolo la maturazione tardiva, nel caso dell'Amarone l'appassimento. Inoltre, se il Nebbiolo conquista per austerità e finezza, l'Amarone va dritto al cuore per l'accoglienza, la disponibilità, la dolcezza sostenuta sempre da una spalla acida».

Il risultato è stato un incontro edificante e anche sorprendente tra due vini, due zone geografiche diverse, due associazioni e 23 produttori, ciascuno con il proprio stile e la propria filosofia. In comune ci sono sempre l'amore e la passione per la propria terra oltre al grande impegno nel perseguire una viticoltura d'eccellenza.

L'Antica Bottega del Vino di Verona, considerata in tutto il mondo il tempio del vino italiano, è stata il luogo perfetto per celebrare l'amicizia vitivinicola tra Amarone e Barolo. Anche il menu proposto ha saputo  esaltare e omaggiare le tradizioni gastronomiche dei due territori.


 

Famiglie dell'Amarone d'Arte

ALLEGRINI Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011

 BEGALI Monte Ca' Bianca Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011

 BRIGALDARA Case Vecie Amarone della Valpolicella Docg 2011

 MASI Riserva Costasera Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011

 MUSELLA Amarone della Valpolicella Docg 2011

 GUERRIERI RIZZARDI Calcarole Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011

 SPERI Vigneto Monte Sant'Urbano Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011

 TORRE D'ORTI Amarone della Valpolicella Docg 2011

 TEDESCHI La Fabriseria, Amarone della Valpolicella Docg Classico Riserva 2011

 TOMMASI Amarone della Valpolicella Classico Docg 2011

 VENTURINI Campomasua Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011

 TENUTA SANT'ANTONIO Campo dei Gigli Amarone della Valpolicella Docg 2011

 ZENATO Amarone della Valpolicella Docg Classico 2011

 

Accademia del Barolo

 AZELIA San Rocco Barolo Docg 2011

 CHIARLO Cerequio Barolo Docg 2011

 CORDERO DI MONTEZEMOLO Bricco Gattera Barolo Docg 2011

 GAGLIARDO Serre Barolo Docg 2011

 MARTINETTI Marasco Barolo Docg 2011

 PIO CESARE Barolo Docg 2011

 PODERI EINAUDI Cannubi Barolo Docg 2011

 PRUNOTTO Bussia Barolo Docg 2011

 SANDRONE Le Vigne Barolo Docg 2011

 VIETTI Ravera Barolo Docg 2011

 

 

 

La Bottega tra gli 11 ristoranti dove vale la pena di andare almeno una volta nella vita secondo Wine Spectator.

Un altro riconoscimento e un grande onore per la Bottega essere citati tra ristoranti come Le Louis XV di Alain Ducasse a Montecarlo e Geranium a Copenhagen, unici in Italia

Sotto potete leggere l'articolo pubblicato on line da Wine Spectator, per la versione integrale cliccate qui.

11 Bucket List–Worthy Restaurants from Around the Globe

From flagship restaurants of the world's best chefs to unique cuisines in historic settings, these exceptional dining destinations are worth the trip of a lifetime

 

Wine lovers know that dining and travel go hand in hand. There’s often no better way to take in a city than by taking in the culture through its cuisine, and a particularly exquisite restaurant experience can elevate a fun jaunt to a lifelong memory. From a laboratory of gastronomic mad science tucked into a Danish football stadium, to a dining room fit for royalty in a 19th-century Viennese palace, these 11 Wine Spectator Restaurant Award–winning restaurants will invoke your wine wanderlust for their extraordinary settings, championing of local producers and channeling of local flavors into imaginative courses.

To check out more great wine dining spots across the globe, see Wine Spectator’s nearly 3,600 Restaurant Award–winning picks, including our 10 bucket list picks from around the U.S. and the 87 Grand Award recipients that hold our highest honor.



Antica Bottega Del Vino

Via Scudo di Francia 3, Verona, Italy
Telephone (39) 0-45-800-4535
Website www.bottegavini.it
Open Lunch and dinner, daily
Grand Award

Carolina Fanni
The cellars at Antica Bottega Del Vino contain a wealth of wine treasures.

 

 

Antica Bottega Del Vino has made its mark as one of Italy’s venerable wine institutions, providing a glimpse into Verona's history through its stunning 19th-century interior, menu of local favorites and expansive wine list. Nestled in the heart of the old town, the restaurant has earned a Grand Award since 2004 for its cavernous cellars holding 100,000 bottles, brimming with picks from Tuscany, Piedmont, the Veneto and France. Wine director Alberto Bongiovanni oversees the 3,200 selections, which span more than 180 pages and include rarities from local maestros, such as the Giuseppe Quintarelli Amarone della Valpolicella Riserva 1990 at 3,000 euros [$3,371] alongside many options in the 30- to 50-euro range. The menu from chef Lucca Dalla Via is classic northeastern Italian, with regional pastas, risottos and meats taking center stage.

La Bottega del Vino ha aderito al progetto "Un'Amatriciana per Amatrice" nato per dare un aiuto concreto alle vittime del terremoto.

Sebbene il progetto richiedesse di devolvere una parte del ricavato, si è deciso di devolvere l'intera cifra raccolta.

L'Amatriciana è rimasta nel nostro menu per un mese, e ringraziamo veramente tantissimo chi ha scelto questo mitico piatto e ha contribuito alla raccolta di Euro 6.200!

Grazie di cuore dalla Bottega!

 

Siamo orgogliosi di aver meritato anche quest'anno, per il tredicesimo anno consecutivo, il Grand Award di Wine Spectator per la nostra Carta Vini.

Il prestigioso premio è assegnato ogni anno dalla rivista americana ai Ristoranti con le migliori Carte Vini.

Il Gran Award è stato assegnato quest'anno a soli 88 Ristoranti nel mondo, 58 negli Stati Uniti, 16 in Europa e 5 in Italia.

La prima serie dedicata al mondo del vino, prodotta da Infinity,  ha dedicato una parte del suo nono episodio alla nostra Bottega, girando un video divertente che potete vedere cliccando sul video.

La serie sta andando in onda su ITV in Inghilterra, ma presto sarà disponibile in Germania, Australia, e Stati Uniti e pare che arriverà presto anche in Italia probabilmente su Sky Tv.

Siamo particolarmente orgogliosi di essere presenti in questa serie, confermando di rappresentare uno dei punti di riferimento del mondo del vino in Italia.

Per informazioni sulla serie The Wine Show

Mercoledi 16 dicembre in Bottega serata dedicata allo Champagne KRUG e a ai suoi seguaci, detti anche “Krug Lovers”, uno champagne mitico che conta appunto innumerevoli estimatori in tutto il mondo.

La maison KRUG, vanta una storia particolare, la storia di un uomo di particolare genio, raccontata bene in questo articolo di Andrea Gori che Vi invitiamo a leggere : http://www.intravino.com/grande-notizia/la-lunga-storia-di-krug-una-volta-per-tutte/

In degustazione per la serata

Krug Gran Cuvée 

Krug Vintage 2000

SERATA “JACQUESSON” ALLA BOTTEGA DEL VINO

Mercoledì 25 novembre, dalle ore 19.00, presso l’Antica Bottega del Vino a Verona avrà luogo una degustazione di Champagne alla presenza del produttore Jean-Hervé Chiquet.

La serata organizzata in collaborazione con Pellegrini Spa, vedrà la partecipazione di un ristretto numero di appassionati.

In degustazione:
Champagne Jacquesson Cuvée n. 739  (anteprima in Italia)
Champagne Jacquesson Cuvée n. 734 Dégorgement Tardif
Champagne Jacquesson Champ Caïn Avize Grand Cru 2005
Champagne Jacquesson Corne Bautray Dizy 1er Cru 2005
Champagne Jacquesson Vauzelle Terme Ay Grand Cru 2005

La storica azienda di Champagne Jacquesson, fondata nel lontano 1789 e insignita della medaglia d’oro da Napoleone I, è stata completamente rivisitata dal genio di Jean-Hervé e Laurent Chiquet che fin dal loro arrivo in azienda nel 1974 decisero di diminuire la produzione in favore dell’eccellenza. Nel 2008 poi, l’eliminazione di erbicidi e fertilizzanti chimici per un approccio più organico. La Cuvée numerata, peculiare a Jacquesson, vuole rappresentare in maniera unica ogni annata, si cominciò con la 728, ma particolarmente importante divenne la 736, quella della svolta organica, fino ad arrivare ad oggi, con la presentazione della 739.

La Bottega del Vino, riconosciuta da Wine Spectator tra gli 81 Ristoranti con la migliore Carta Vini al Mondo, si conferma luogo ideale per gli appuntamenti importanti legati all’eccellenza e alla cultura del vino.

Ingresso solo con invito

 

Le Famiglie dell'Amarone